Pagina precedente Questa pagina si chiama: sillabo versione ideale per la stampa Pagina completa di frame



UNO SGUARDO ALL'ALTO (metasito)


Questa pagina, insieme alle pagine sull'interattività e sulle specifiche informatiche, spiega come è fatto questo sito e perché è fatto così, e lo fa in tre paragrafi:

struttura del sito
ordine degli argomenti
tenore



STRUTTURA DEL SITO

La struttura della lezione è un ibrido tra una struttura referenziale libera (il classico ipertesto aperto e non gerarchico) ed una struttura ad anello (costituita da un numero chiuso di contenuti interconnessi).
Questo significa che esiste una serie di pagine principali ed una serie di pagine in qualche misura accessorie.

Le pagine principali hanno due peculiarità ed un duplice scopo.
Le peculirità sono:
  • possono essere presenti degli esercizi (ma si rimanda alla pagina che ha per nome proprio interattività per illustrare in che misura tale nome sia fuorviante);
  • ognuna di esse è sempre immediatamente raggiungibile dall'utente per mezzo del menù in giallo in basso, e la presenza di questo navigatore costituisce una ulteriore caratteristica formale delle pagine principali.
Il duplice scopo consiste invece da un lato nel fornire il minimo bagaglio di informazione ed esperienza ai tre tipi di utenti - descritti nella pagina tu sei qui - per i quali questo sito è stato pensato e dall'altro lato nell'arginare il senso di sconfinamento e disorientamento che ipertesti molto estesi e/o aperti possono indurre.

Le pagine accessorie appaiono all'interno di finestre più piccole e forniscono un surplus informativo/ludico/esperienziale rispetto alla base.
Si tratta di pagine la cui lettura è indipendente dal resto del sito e che presentano esemplificazioni addizionali, approfondimenti, spunti di riflessione e citazioni che possono arricchire il percorso formativo senza appesantirlo.
Le specificità tecniche di queste pagine fanno sì che sia possibile navigare fra di esse come se si avesse a che fare con un ipertesto tradizionale a struttura referenziale libera.

torna all'indice dei paragrafi

ORDINE DEGLI ARGOMENTI

Gli argomenti sono stati presentati in maniera volutamente ridondante: la struttura metaforica del sito è un moto elicoidale, un percorso che visto dall'alto (da qui) pare passare per gli stessi punti, e che si rivela come un progressivo innalzamento, o approfondimento, solo esperito dall'interno (o guardato da un lato).
Ciclicamente ho riproposto i tre tipi base di deissi, sia nella forma tradizionale della spiegazione frontale che in quella dello stimolo a rielaborare.
Per il primo caso, ci sono un suggerimento sulla natura della deissi nella pagina l'ABC della deissi, ed una fenomenologia deittica dell'italiano nella pagina tipi di deissi; per il secondo caso un primo, blando, spunto critico è proposto sotto il titolo deissi e contestualità e ripreso, dopo la pausa ludico-sperimentale del laboratorio linguistico de la deissi degli altri, nella pagina di approfondimento una nuova definizione.
A fare da contorno a questo cuore argomentativo sono stati proposti temi di approfondimento adeguati ad una visione lineare (e non elicoidale) del percorso: dopo una primissima e duplice introduzione, la prima sistematizzazione, poi uno spunto critico, la sistematizzazione definitiva in italiano, strumenti di rielaborazione per le lingue straniere la questione della deissi e della testualità e infine, di nuovo, senza l'ambizione o la volontà di elaborare una nuova e definitiva definizione di deissi, un ulteriore spunto di approfondimento, che ricorresse a tutto l'armamentario linguistico e filosofico diponibile.
Come momento più alto ed impegnativo del percorso ho immaginato e realizzato queste ultime tre pagine di metadidattica, per spiegare i motivi delle mie scelte e per darti la possibilità di confrontarci su questioni che non fossero esclusivamente connesse al tema della deissi, ma che riguardassero anche la comunicazione linguistica e quella mediata dalla rete.

torna all'indice dei paragrafi

TENORE

Ho scelto di darti del tu per un ovvio motivo: occupandomi di deissi, quella di pormi come tuo interlocutore era una scelta non solo comunicativa ma anche didattica: oltre ad esemplificare l'uso dei pronomi deittici io li ho impiegati. Inoltre, a differenza di quanto potrai mai trovare scritto in un libro, io so che tu sei anonimo (eh, però, se ti fossi iscritto...).
(In effetti, non è proprio esatto dire che io lo so: se ti sei registrato i listati in php riconoscono il tuo nome e lo usano, ma tanto è attraverso loro che io mi manifesto qui e posso comunicare con te).

A parte mi piacerebbe fare alcune considerazioni sulle convenzioni tipografiche che ho adottato.

torna all'indice dei paragrafi

Come hai trovato questa pagina?:

Questa pagina è stata definita:
chiara: 3 volte
chiara e divertente: 7 volte
difficile: 1 volte





Ci sono 2 commenti su questo argomento.

1· complimenti
lasciato il 12/09/2007 @ 10:14
da: anonimo
per il sito ricco ed esaustivo, sperimentale e ricchissimo.
2· bel sito
lasciato il 22/06/2012 @ 19:02
da: elis
ciao

proprio un bel sito, peccato che alcuni link non funzionino pi
...vuoi aggiungere un tuo commento?